itSanBenedettoDelTronto

LO SAPEVI CHE

Lo stemma di San Benedetto del Tronto: un excursus sull’origine della città

Lo Stemma

Lo stemma comunale viene solitamente utilizzato per raccontare e descrivere la dignità, la storia, le remote origini, la personalità e l’immagine di un Comune. Nonché di una città. Quello della città rivierasca di San Benedetto del Tronto riassume i più importanti avvenimenti. E nel comporre lo stemma della città si è tenuto conto dei fatti più salienti della storia di San Benedetto. Infatti, lo stemma simboleggerebbe la diversità di due momenti importanti della storia del paese: il martirio del santo patrono e la nascita urbana della città stessa con i suoi simboli architettonici peculiari.

Caratteristiche dello stemma

In particolare, molti documenti storici hanno tramandato lo stemma della città adriatica. Nello specifico, sullo sfondo d’argento dello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri il 10 novembre 1948, campeggia un guerriero, che stringe in una mano una spada e nell’altra un ramo di palma. Inoltre, il guerriero è posto dinanzi una torre affacciata sul mare. Il guerriero in questione altri non è che Benedetto, il santo patrono. Ecco quindi il santo spiccare nello stemma cittadino con la spada e la palma del martirio, abbracciato da due ghirlande di foglie legate assieme da un nastro tricolore.

Patrono Sullo Stemma
Il Santo patrono raffigurato nello stemma civico (foto di: Facebook)

Da sfondo al santo e degna di nota è la Torre dei Gualtieri, meglio conosciuta come il Torrione, che rappresenta il simbolo della città per eccellenza, l’elemento architettonico che meglio la configura. E non può mancare uno scorcio del mare dove la cultura marinaresca della città mette radici. Per gentile concessione dell’Araldica Civica e su disegno di Massimo Ghirardi, la blasonatura del gonfalone è un drappo troncato di azzurro e di rosso, i cui simboli sono: mare, palma, spada e torre. I simboli del comune possono essere così descritti: “D’argento al guerriero all’antica aureolato e tenente la palma nella destra, nella sinistra l’elsa della spada, in maestà dinanzi a una torre movente dal mare, il tutto al naturale”.

Torrione Sullo Stemma
Il Torrione dello stemma civico (foto di: commons.wikimedia.org)

L’araldica civica

Da annoverare che gli elementi fondamentali dell’araldica civica italiana sono: lo scudo, la corona e l’elemento decorativo. Elemento fondamentale è la corona muraria che, nel caso della città di San Benedetto del Tronto, è d’oro. E gli stemmi riportati sul gonfalone cittadino accompagnano i momenti istituzionali della vita del paese. La corona muraria è turrita, ovvero caratterizzata da punte a forma di torre stilizzata, utilizzata come onorificenza della Repubblica e dell’Impero romano. Costituisce il massimo simbolo di valore militare.

Cartolina Con Lo Stemma
Una cartolina con lo stemma comunale (foto di: ebay)

Fin dagli albori della storia, l’uomo è sempre stato fortemente affascinato dai simboli che esprimono con grande immediatezza diversi significati. Essi rappresentano uno strumento che ci aiuta a capire meglio il passato. Per quanto il suo massimo splendore sia stato soprattutto il periodo medievale e quello rinascimentale, il significato dello stemma è vivo ancora oggi, trovando magnifiche manifestazioni nei comuni. Fin dalla loro origine, avvenuta in ambito militare come segno distintivo, gli stemmi venivano abitualmente realizzati raffigurando piante, armi, guerrieri. Lo stemma comunale significa l’identità di una comunità e racchiude in sé la storia, le tradizioni, le glorie, le speranze di un paese. Come si suol dire: un’immagine vale più di mille parole.

Si ringrazia per l’immagine di copertina: Wikipedia

Lo stemma di San Benedetto del Tronto: un excursus sull’origine della città ultima modifica: 2020-01-31T09:00:44+01:00 da Patrizia Cicconi

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top