I SAMBENEDETTESI RACCONTANO SAN BENEDETTO DEL TRONTO

itSanBenedettoDelTronto

MEMORIA

Festa della Repubblica: protagonista il Torrione, simbolo della città

Festa Della Repubblica

Festa della Repubblica un po’ inconsueta quella che si è svolta quest’anno e il motivo è ormai ben risaputo: come è stato per la festività del 25 aprile, anche per il 2 giugno l’Amministrazione comunale della città rivierasca di San Benedetto del Tronto ha prestabilito una commemorazione dissimile dalla tradizione sambenedettese per essere conformi al rispetto delle norme anti contagio da Coronavirus che impediscono gli assembramenti; quindi, solo un piccolo momento celebrativo avvenuto nel luogo simbolo per eccellenza della città.

Festa della Repubblica, una breve rievocazione in città

Infatti, nella mattina del 2 giugno, il sindaco Pasqualino Piunti, accompagnato da due agenti della Polizia municipale in alta uniforme, è salito sulla sommità della Torre dei Gualtieri, monumento simbolo, meglio conosciuto come il “Torrione”. Qui è stata deposta una corona di alloro in onore di chi ha sacrificato la propria vita alla patria. Ma anche con un pensiero a coloro che sono mancati a causa del virus. Nello specifico, la corona è collocata alla base del pennone su cui svettano la bandiera rossoblu sambenedettese e quella italiana. Inoltre, il Corpo Bandistico “Città di San Benedetto” ha intonato l’inno di Mameli per celebrare il 74esimo compleanno della Repubblica. Ma il tricolore è stato collocato di recente. Infatti, questa iniziativa è compresa in tutte le varie attività che, sia i privati che il Comune, stanno effettuando per sostenere i cittadini nella lotta al Covid-19 che ormai combattono da alcuni mesi.

Torrione Con Tricolore Per Festa Della Repubblica
Festa della Repubblica: il Torrione, simbolo della città, con il tricolore (foto di: Facebook)

Il sindaco della città: “una cerimonia sobria e ridotta”

Il primo cittadino aveva spiegato la sobrietà della cerimonia, nel rispetto delle misure restrittive per il contenimento del contagio da Coronavirus, per ricordare la nascita della nuova Italia dopo il fascismo. “Non potranno esserci né il tradizionale corteo né la cerimonia di deposizione delle corone ai monumenti ai Caduti alla presenza delle autorità civili e militari. Però abbiamo scelto di tenere un breve momento di raccoglimento nel luogo più caro ai sambenedettesi. Ovvero, quel Torrione che è stato spettatore di tanti eventi che hanno segnato la storia della città, compresa la nascita della Repubblica.

Festa Della Repubblica Referendum
Festa della Repubblica, il referendum (foto di: Wikipedia)

Deponendo quella corona renderemo omaggio a tutti coloro che ci hanno prima donato l’opportunità impagabile di vivere in una democrazia e poi hanno gettato le basi per la costruzione di una comunità ispirata a nobilissimi princìpi. Questi sono atti simbolici. Ma, per nulla retorici, hanno un significato profondo che assumono un valore particolare nei momenti di difficoltà e incertezza come quelli che stiamo vivendo”.

Musei aperti nel giorno della Festa della Repubblica

In aggiunta a ciò, la Festa della Repubblica ha conciso con la riapertura delle strutture museali cittadine. Infatti, il 2 giugno porte aperte per il Museo del Mare, compreso Palazzo Piacentini nel vecchio incasato del Paese Alto. Come noto, l’accesso è subordinato all’osservanza delle già note regole precauzionale riguardanti l’obbligo di indossare la mascherina per tutta la durata della visita, di dotarsi di guanti o, in alternativa, di igienizzare le mani. Infine, rispettare un distanziamento non inferiore a 1,5 metri. Comunque, l’ingresso ai musei è gratuito.

Si ringrazia per l’immagine di copertina: Facebook

Festa della Repubblica: protagonista il Torrione, simbolo della città ultima modifica: 2020-06-02T09:00:52+02:00 da Patrizia Cicconi
To Top