EDIFICI STORICI QUARTIERI

Il Liberty a San Benedetto del Tronto: i villini della belle époque

Villa Liberty

Il Liberty di fine Ottocento a San Benedetto del Tronto intuisce il potenziale sviluppo del turismo balneare. Così nascono i primi villini Liberty, prova concreta di una posizione sociale di prestigio. Essi sono la contrapposizione alle umili dimore dei pescatori, tipiche quelle costruite in via Laberinto, la zona del Mandracchio. Alcune vie che caratterizzano la città presentano molte ville che svettano tra gli oleandri, contraddistinte dai consueti elementi decorativi, ovvero tipici fregi architettonici e pittorici.

L’affermazione dello stile

Definito Art Nouveau in Francia e in Gran Bretagna, in Italia fu meglio conosciuto come Liberty. Questo stile influenzò architettura, pittura, decorazione di interni e molto altro. In generale, questa corrente intendeva offrire un comportamento di vita più positivo e spensierato. Ma anche un amore per l’eleganza e la raffinatezza. E una spinta verso una società amante del lusso e dell’estetica. In primis, la natura divenne la principale fonte di ispirazione. Infatti, i motivi floreali, gli arabeschi, le linee e i colori naturali come l’ocra, il verde, il porpora divennero gli elementi fondamentali che caratterizzarono l’architettura dell’epoca. Questa tendenza, che raggiunse il culmine nella realizzazione di interni e di esterni di edifici e ville, arrivò fino ai piccoli centri cittadini, compresi quelli del nostro paese. Infatti, il Liberty ha lasciato la sua impronta in tutta la città che non è certo rimasta esente dalla trasformazione di molti aspetti della vita sociale, influenzando abitudini e lasciando tracce di indiscutibile fascino e valore.

Villini Liberty, foto dell'epoca

Una foto dell’epoca dei villini Liberty (foto di: Archivio comunale)

I villini Liberty della città

Già nella seconda metà dell’Ottocento le amministrazioni comunali vollero risanare tutta la zona ad est. Sorsero i primi villini sull’arenile, mentre si realizzavano anche i giardini pubblici e la pineta. Di grande rilievo è un’importante scultura collocata in una delle aiuole dei giardini comunali, il “Monumento ai Caduti” della Grande Guerra. L’opera in bronzo è di Amleto Cataldi. In particolare, il lungomare nord presenta il maggior numero di ville e villini costruiti secondo lo stile Liberty. Alcuni presentano decorazioni pittoriche di scene di mare e motivi floreali, con torrette e ringhiere decorate. Altri sono caratterizzati da elementi decorativi di transizione tra lo stile classico-liberty e quello del ventennio, come la presenza di una piccola loggia d’ingresso con terrazzo e balaustre, paraste, lesene, cornici. La maggior parte dei villini marittimi del primo Novecento rivela, dunque, indiscutibili caratteri dello stile Liberty, anche se, in realtà, alcuni manifestano una decisa tendenza eclettica.

Villini Liberty, la via

La via principale dei villini Liberty (foto di: Patrizia Cicconi)

L’impianto viario che ospita i villini

Anche l’antico borgo marinaro di San Benedetto, in tempi moderni, è stato rimodellato a nuovo ed in modo funzionale con ampi viali e strade tutte ortogonali, arricchite con arredi, vegetazione esotica e nobili abitazioni. Infatti, qui i signori locali hanno impreziosito i viali con le loro sfarzose ville proprio in stile Liberty. Precisamente, il gusto della belle époque si nota, in particolare, nei balconi e nelle cancellate di queste eleganti costruzioni. Inoltre, magnifici mosaici moderni arredano le intersezioni viarie della piccola e lussuosa via cittadina che termina di fronte alla spumeggiante fontana sulla Rotonda Giorgini. Oltre, svetta la candida mole del Faro portuale.

Si ringrazia per l’immagine di copertina: www.themarcheexperience.com

Patrizia Cicconi

Autore: Patrizia Cicconi

Laureanda in Scienze politiche e della Comunicazione, una passione profonda per la lettura e la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Posseggo delle venature di psicologia mancate, tematica affrontata con grande entusiasmo durante gli studi liceali. Avvolta nella stesura del mio primo libro e nel continuum degli studi, scrivo per passione ma sono poco incline alla mania dei social: se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo. Ho pubblicato centinaia di articoli su blog leader nel loro settore di riferimento e amo raccontare dei luoghi e della gente. Il mio aforisma? “Amo vestire i pensieri in parole”.

Il Liberty a San Benedetto del Tronto: i villini della belle époque ultima modifica: 2019-05-31T09:00:34+02:00 da Patrizia Cicconi

Commenti

To Top