I SAMBENEDETTESI RACCONTANO SAN BENEDETTO DEL TRONTO

itSanBenedettoDelTronto

CHIESE

Chiesa di Cristo Re: dove la famiglia è protagonista

Chiesa Di Cristo Re

Chiesa di Cristo Re è il luogo che volge lo sguardo alla famiglia affinché si dedichi al dialogo ed alla condivisione. Come spesso ricorda Papa Francesco, la famiglia è “il primo luogo dove si impara ad amare”. Inoltre, la Chiesa Cristo Re è sorta durante un importante periodo per la città rivierasca di San Benedetto del Tronto, ovvero il suo boom demografico nel Dopoguerra. Nonché quello edilizio negli anni ’40.

Breve storia della Chiesa di Cristo Re

Infatti, la Chiesa di Cristo Re è nata nel Dopoguerra a seguito del grande sviluppo demografico della zona. E il 30 ottobre 1955, festa di Cristo Re, fu posta la prima pietra. E i lavori iniziarono nel 1956, su progetto dell’architetto anconetano Innocenzo Sabbatini. Egli svolgeva la sua professione prevalentemente nelle Marche alla ricerca di un’affermazione professionale. Ciò si è realizzata soprattutto con committenze ecclesiastiche caratterizzate da chiese con copertura “come le squame di una pigna”. Poi, la Chiesa è stata consacrata da Monsignor Radicioni (che tra l’altro ha anche consacrato la Chiesa Sacra Famiglia del vicino quartiere) il 29 giugno 1961. Infine, accanto alla Chiesa, un complesso pastorale ospita l’Oratorio e la sala-teatro, denominata “Sala Don Marino”. Ciò, in ricordo della morte del parroco emerito Don Marino Ciarrocchi.

Chiesa Di Cristo Re E Altre Strutture 1
La Chiesa Cristo Re, il complesso (foto di: Patrizia Cicconi)

Don Marino, primo parroco della Chiesa Cristo Re

Don Marino Ciarrocchi iniziò giovanissimo la sua attività di parroco. Proprio per l’incredibile sviluppo edilizio degli anni ’40 ci fu bisogno di una seconda parrocchia che all’epoca aveva il nome di San Giorgio Martire in Cristo Re. E nel 1953 Don Marino ebbe l’idea di acquistare il terreno agricolo in cui sarebbe sorta la Chiesa, con la collaborazione dell’amico Costantino Rozzi, un imprenditore che ha fatto tanto per il Piceno. Infine, Don Pio Costanzo, l’ultimo parroco della Chiesa, ora in pensione, arricchì la Chiesa di opere d’arte di autori di fama internazionale. Ma nel 1992 l’alluvione del vicino fiume Tronto devastò questi tesori. E l’unica cosa che si salvò fu una casula di seta donata dal Vaticano proprio a Don Marino nel 1961.

Interno Chiesa Di Cristo Re 1
Interno della Chiesa di Cristo Re (foto di: Patrizia Cicconi)

Le alte strutture adiacenti

Presso la Parrocchia Cristo Re, vi è l’Anfiteatro Karol Wojtyla, che, dopo mesi di frenetici lavori, ha visto la luce. In particolare, l’Anfiteatro è posto dietro la Chiesa, esattamente vicino al campo sportivo. La struttura ha una capienza di circa 500 spettatori ed è munito di un bellissimo palco con la raffigurazione di Gesù. Questa opera polifunzionale di interesse collettivo è al servizio dei cittadini e rappresenta per la locale comunità una compagine culturale di enorme interesse. Ciò per incentivare i momenti di aggregazione come i concerti vocali strumentali per solo coro e orchestra.

Altra Struttura Nella Chiesa Di Cristo Re 1
Una delle strutture che fanno parte del complesso della Chiesa di Cristo Re (foto di: Patrizia Cicconi)

Fondata nel 2004, la Casa dell’Accoglienza per adulti di Don Pio Costanzo, sita dietro alla Chiesa di Cristo Re, è una struttura caritativa in cui vengono ospitati gratuitamente uomini e donne indigenti di tutte le nazioni senza fissa dimora offrendo loro colazione, pranzo, cena e un posto letto.

Si ringrazia per l’immagine di copertina: Patrizia Cicconi

Chiesa di Cristo Re: dove la famiglia è protagonista ultima modifica: 2019-12-20T09:00:08+01:00 da Patrizia Cicconi
To Top