I SAMBENEDETTESI RACCONTANO SAN BENEDETTO DEL TRONTO

itSanBenedettoDelTronto

ASSOCIAZIONI PROMUOVI

Avis di San Benedetto del Tronto: la volontà di informare e coinvolgere

Avis

Avis, ovvero l’Associazione Volontari Italiani del Sangue, è un ente del terzo settore che opera nell’ambito della donazione di sangue e di emocomponenti; in particolare, Avis di San Benedetto del Tronto ha snocciolato nell’ultimo anno dati molto positivi: donatori e donazioni di sangue sono stati in aumento; così come anche i nuovi soci che hanno aderito e infatti, i dati concreti che l’Avis di San Benedetto registra in un accrescimento di donatori e donazioni sta a significare che i suoi associati riescono ancora a motivare.

Avis come associazione del donare

Nello specifico, l’Avis si configura come un’organizzazione non lucrativa di diritto privato. La donazione è un gesto totalmente gratuito: non si dona per ottenere un compenso. Così come è volto nell’esclusivo aiuto verso una persona conosciuta: a chi va il nostro sangue è nell’anonimato e questa è la parte più affascinante della donazione stessa perché si compie un atto di altruismo. Il gesto deve essere libero, consapevole e spontaneo: questi elementi racchiudono il concetto di “donazione”. In riferimento a ciò, vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue. Ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente. Fondata a Milano nel maggio del 1927 su iniziativa del medico Vittorio Formentano, l’Avis è costituita da oltre 1.300.000 volontari. E oggi è la più grande organizzazione di volontariato del sangue italiana che, grazie ai suoi associati, riesce a garantire circa l’80% del fabbisogno nazionale.

5e4dafae9c37b 5e4dafae9c37favis Una Postazione.jpg
Una postazione di un donatore (foto di: Patrizia Cicconi)

Le iniziative di promozione

Per rafforzare lo spirito sociale, nel 2018 l’Avis aveva organizzato, su autorizzazione del Comando della Marina Militare di Marifari Venezia, quattro giornate di visita all’interno del Faro di San Benedetto del Tronto. Il successo è stato notevole, ben 418 persone hanno potuto ammirare la città dall’alto. Successivamente, altra iniziativa di successo, la visita alla Torre dei Gualtieri a cui hanno partecipato ben 316 visitatori. Ma l’Avis non trascura il settore dello sport e infatti ha concluso un’importante collaborazione con la “Samb Volley”. Esattamente, grazie a questa sinergia, 12 giovani pallavolisti si sono avvicinati al mondo della donazione. L’Avis si impegna ancor di più anche con le scuole. Infatti, quest’anno cinque scuole superiori di San Benedetto potranno contare su 10 borse di studio, due per ciascuna scuola. 500 euro per il primo classificato e, novità per il 2019, anche 200 euro per il secondo.

La rotatoria urbana per l’Avis

L’intitolazione della rotatoria ai donatori di sangue, posta davanti al Municipio e al monumento alla Famiglia del Pescatore, dimostra la volontà di spargere il più possibile la voce. In particolare, sulla rondò spicca il logo Avis, realizzato con essenza arboree, che rispecchia un’importanza determinante per la promozione dell’associazione stessa.

Rotatoria Avis
La rotatoria Avis (foto di: Patrizia Cicconi)

In particolare, quel decoro urbano lancia un messaggio sottolineando come il nostro territorio sia a misura d’uomo. E di come i cittadini si stiano prodigando in numero sempre maggiore a questo importante atto di generosità, condivisione e solidarietà. Insomma, è grande il cuore dei sambenedettesi.

Si ringrazia per l’immagine di copertina: Patrizia Cicconi

Avis di San Benedetto del Tronto: la volontà di informare e coinvolgere ultima modifica: 2020-02-21T09:00:09+01:00 da Patrizia Cicconi
To Top